Servizio civile, la consegna ai ragazzi volontari della Costituzione Italiana

Nella Galleria d'Arte Moderna in palazzo comunale una cerimonia simbolica insieme ai giovani dei ‘CambiaMenti in azione’, agli operatori e al presidente de ‘Il Piccolo Pincipe’

.

EMPOLI – A conclusione del percorso svolto nel servizio civile regionale e nazionale questa mattina, giovedì 9 maggio 2019, in palazzo comunale nella Galleria d’Arte Moderna, sono stati ricevuti dall’assessore alle politiche sociali del Comune di Empoli, i giovani che hanno vissuto, anche per la seconda volta, questa esperienza. A tutti loro è stata poi consegnata simbolicamente una copia della Costituzione Italiana,

Una cerimonia che si era già svolta negli anni precedenti e che ha coinvolto volontari, ragazze e ragazzi, che hanno prestato i loro servizi all’interno delle Cooperative sociali Il Piccolo Principe e Colori, nell’ambito del progetto regionale di ConfCooperative Toscana.   

Hanno svolto servizio civile, affiancati da operatori locali, nelle stesse cooperative, ma anche in strutture socio-assistenziali del Comune di Empoli, in asili nido, RSA e comunità di minori.

ECCO I LORO NOMI – Marta Morelli, Melissa Pulidori, Matteoli Camilla, Lorenzo Favuzza, Maria Elena Regini, Sara Nigi, Irene Tarallo, Lucrezia Nardini, Iacopo Marchetti, Marta Tempesti, Vittorio Plenzic, Laura Pucci, Giulia Reito, Domenica Lombino.

I loro racconti, le loro narrazioni, testimoniano quanta energia positiva ci sia dentro quei ragazzi e ragazze. «In comunità con i minori ti cambia prospettiva – dice Marta -. Capisci i valori della vita, i bisogni di quei ragazzi ed è il luogo in cui riesci a cogliere l’essenza del tuo essere».
Le fa eco Melissa, anche lei a servizio nella comunità di minori: «Un’esperienza avvolgente che diventa una seconda famiglia. Potessi la rifarei».
Irene, invece, dalla Asl alla comunità di minori rimasta davvero contenta dell’esperienza svolta: «Entri e ti senti già parte del contesto ma soprattutto di loro. Crescita e cambiamento».
Lorenzo, stamattina unica figura maschile, è alla seconda esperienza, dal Centro Giovani di Avane al Nido a Galleno bambini.

Camilla ha fatto la sua esperienza alla scuola del Sacro Cuore: «Ho imparato molto dalle relazioni e anche a saper lavorare in équipe». Sara ci dice che dal servizio civile ha sviluppato la voglia di andare avanti negli studi e adesso si occupa di adolescenti.
Maria Elena sottolinea quanto i ragazzi riescano a darti: «Pensando che un giorno tutto questo dovrà terminare sembra difficile distaccarsi».

Un filo rosso unisce tutte queste bellissime esperienze: la voglia di buttarsi, di mescolarsi, di crescere insieme a coloro che hanno più bisogno. Un percorso che definiscono intenso. Anche il Presidente de Il Piccolo Principe, Roberto Beconcini, ha sottolineato quanto attraverso questi momenti di condivisione la nostra realtà potrà essere più ricca di senso di responsabilità.