‘Scuola in Musica!’: saggio finale delle ‘primarie’ e ‘secondarie 2°’

Lunedì 28 maggio alle 21, teatro cinema La Perla. L’evento è dedicato interamente alle scuole empolesi che aderiscono ai progetti ‘Banda’ e ‘Musica corale e strumentale nelle scuole’

‘Scuola in Musica!’: saggio finale delle ‘primarie’ e ‘secondarie 2°’

EMPOLI – Una serata a tutta musica live dedicata interamente alle scuole empolesi del progetto ‘Banda’ a cura del CAM e ‘Musica corale e strumentale nelle scuole’ del Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni.

Lunedì 28 maggio 2018, alle 21, saliranno sul palco del cinema La Perla, per il secondo anno, in via dei Neri, a Empoli, gli allievi delle scuole primarie e secondarie di secondo grado per esibirsi nel saggio finale del progetto “Scuola in Musica!”, coordinato e dal Centro Attività Musicali di Empoli (CAM) e dal Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni, patrocinato dal Comune di Empoli. L’ingresso all’evento è gratuito.

LE SCUOLE ADERENTI - Hanno aderito al ‘Progetto Banda’: la Primaria “Leonardo da Vinci”, Direzione Didattica 1° Circolo (classi 4°A, 4°B, 5°A e 5°B), la Primaria “Carlo Rovini”, Direzione Didattica 3° Circolo (classi 5°). Mentre per il progetto “Musica corale e strumentale nelle scuole”: ITIS “Ferraris – Brunelleschi”, Liceo Scientifico “Il Pontormo” e il Liceo Classico “Virgilio”.

CHE COSA E’ IL PROGETTO BANDA - Ideato e coordinato dal CAM - Centro Attività Musicale di Empoli, è realizzato grazie anche al Contributo del Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni nell’ambito delle proprie attività didattiche. Il progetto si rivolge

alle classi quinte e quarte delle scuole primarie del Comune di Empoli; prevede l’insegnamento degli strumenti a fiato tipici delle bande (flauto traverso, clarinetto, saxofono, tromba, trombone, corno, basso tuba) e l’istituzione della “banda della scuola”. Inoltre, si basa essenzialmente sull’insegnamento collettivo e sul fare musica insieme da subito, cercando fino dall’inizio l’aspetto ludico e sociale del suonare insieme uno strumento musicale. Attraverso la costituzione di un gruppo-banda si vuol raggiungere l’obiettivo dell’abbattimento delle barriere sociali e culturali discriminanti, che inevitabilmente il mondo di oggi ci pone come questioni giornaliere. I bambini sono stimolati attraverso la pratica costante del cooperative-learning a dare il proprio contributo alla “causa comune”. L’idea dell’abbattimento delle barriere attraverso la pratica strumentale si rifà all’esperienza venezuelana del cosiddetto “Progetto Abreu”. La proposta di José Antonio Abreu, sostenuta da vari musicisti internazionali come Claudio Abbado, è stata adottata in modo sistematico dal governo venezuelano come mezzo di recupero di fasce giovanili disagiate.  L’intento è quello di offrire ai giovani l’opportunità di vivere all’interno dell’ambiente scolastico un’esperienza musicale e culturale significativa e allo stesso tempo adeguata alle caratteristiche e alle esigenze espressive della fascia d’età coinvolta, soddisfacendone inoltre i bisogni di aggregazione sociale e relazionale attraverso il lavoro di gruppo.


E IL PROGETTO MUSICA CORALE - Nella Scuola del Centro Studi Musicali Ferruccio Busoni, il ‘progetto musica corale’ è attivo dal 1996 ed è nato con l’intento di offrire ai giovani l’opportunità di vivere all’interno della scuola un’esperienza musicale e culturale significativa ma nello stesso tempo adeguata alle caratteristiche e alle esigenze espressive della fascia d’età coinvolta, soddisfacendone, inoltre, i bisogni di aggregazione sociale attraverso il lavoro di gruppo. Il progetto ha unito i cori dell’ITIS “Ferraris Brunelleschi” e del Liceo Scientifico “Il Pontormo”, aprendo anche alla pratica strumentale con il gruppo del Liceo Classico “Virgilio”. Il progetto è curato da Simone Faraoni e Pietro Paolo Gurrera.