‘Lupi nel territorio periurbano’, la situazione nell’area Empolese Valdelsa

Mercoledì 2 maggio alle 17.30, sala La Vela, via Magolo, Avane
Un incontro informativo su come affrontare questa nuova criticità finora sconosciuta ai pastori locali. Parteciperà l’assessore Fabio Barsottini

Lupi nel territorio periurbano’, la situazione nell’area Empolese Valdelsa

EMPOLI - Affascinante e misterioso, il lupo fin dalla notte dei tempi ha saputo suscitare sentimenti contrastanti, non a caso nel suo nome sono nati miti, leggende e superstizioni.

Di questo e di molto altro si parlerà nell’incontro informativo denominato “Lupi nel territorio periurbano. La situazione nell’area dell’Empolese Valdelsa”, organizzato dal Ce.T.R.A.S (Centro Toscano Recupero Avifauna Selvatica) di Empoli, con il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Empoli e di tutti gli altri comuni dell'Unione Empolese Valdelsa, mercoledì 2 maggio 2018 alle 17.30 nella sala de ‘La Vela Margherita Hack’ ad Avane, via Magolo.

Il Ce.T.R.A.S Empoli da anni si occupa oltre che del recupero e della cura di avifauna selvatica anche di informare la cittadinanza delle criticità legate alla fauna selvatica in generale organizzando incontri tematici e quello del 2 maggio è uno di quelli.

Ci saranno tecnici e amministratori per parlare del lupo in contesti periurbani, con particolare riferimento al nostro territorio. Lo scopo è informare la cittadinanza e gli allevatori con dati realistici sul fenomeno e trovare soluzioni e modelli organizzativi per la gestione delle criticità.

Ad illustrare l’incontro il tecnico faunista Duccio Berzi, uno dei maggiori esperti di lupo in Italia. Negli ultimi anni Berzi si è dedicato principalmente a mettere a punto e realizzare sul campo interventi di prevenzione per la mitigazione del conflitto uomo-lupo. Saranno inoltre illustrate da parte dei dirigenti del settore faunistico-venatorio della Regione le politiche relative a questo importante predatore.

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti coloro che nutrono interesse verso l'argomento trattato.

PROGRAMMA - Alle 17.30 introduzione Luigi Malfatti e Francesco Cervasio, CeTRAS (Centro Toscano Recupero Avifauna Selvatica) di Empoli; Fabio Barsottini, assessore all’ambiente del Comune di Empoli; alle 17.45 intervento Il lupo nei contesti periurbani, distribuzione, dinamiche, elementi di ecologia e rapporti con le attività antropiche a cura di

Duccio Berzi, tecnico faunista; alle 18.30 Paolo Banti, dirigente responsabile del settore “Attività faunistico-venatorie”, interverrà su Le politiche regionali sul lupo: indennizzi, prevenzione, gestione delle problematicità relativi ai contesti periurbani; alle 19 intervento

dell’associazione CIA-Agricoltori Italiani a cura di Sandro Orlandini, presidente Associazione CIA; alle 19.15 intervento dell’associazione UPA-Unione degli agricoltori di Firenze, a cura di Giacomo Matteucci, perito agrario responsabile settore gestioni faunistiche. Alle 19.30 via alle domande e dibattito. L’incontro si concluderà alle 19.45

IL LUPO - Fonte di ispirazione per poeti e scrittori, è forse l’animale più raccontato nella narrativa mondiale. Gli stati d’animo che generano negli uomini questi splendidi animali non hanno mezze misure, il lupo più di altri animali o si ama o si odia. Carnivoro all’apice della catena alimentare è capace di organizzarsi in piccoli clan ben strutturati in cui la cooperazione e la sinergia diventano l’arma in più per il loro successo. Da sempre, quindi, il lupo ha avuto un rapporto conflittuale con l’uomo sia di competizione nel perseguire spesso le stesse prede che nello sfruttare come risorsa alimentare i capi allevati.

Il conflitto è divenuto negli anni prevalentemente di tipo economico, tanto che il lupo in Italia a metà del secolo scorso ha rischiato seriamente l’estinzione. Progressivamente a causa del progressivo abbandono della vita rurale, della diminuzione della pastorizia oltre che dell’aumento delle aree boscate e delle prede naturali, il lupo ha riconquistato il suo vecchio areale di distribuzione.

La ricolonizzazione di aree rurali prossime alla città da parte di specie selvatiche, pone quindi le amministrazioni e la cittadinanza di fronte a nuove e complesse problematiche.

L’area dell’Empolese Valdelsa si trova ad affrontare da qualche anno questa nuova criticità finora sconosciuta ai pastori locali.

La situazione, seppur all’inizio e di modesta entità, è tuttavia da non sottovalutare e va affrontata per tempo prima che sfugga di mano in modo da consentire la convivenza con questo importante predatore.

INFO E CONTATTI - info@cetras.it , 339 7992169 /338 2374114.