Giulia Terreni sul Patto Locale per la Lettura: “Leggere un’abitudine sociale quotidiana necessaria”

È stato sottoscritto da soggetti che formeranno il prossimo “Tavolo Empoli Città che legge”

.

EMPOLI – Scuole, librerie, enti culturali, case editrici, associazioni. Tutti possono aderire al Patto Locale per la Lettura, appena sottoscritto tra i soggetti che andranno a formare il prossimo “Tavolo Empoli Città che legge”.

La firma è avvenuta ieri, mercoledì 22 gennaio, in palazzo Comunale a Empoli.

Le realtà firmatarie che hanno al momento aderito all’iniziativa del Comune di Empoli e della biblioteca comunale ‘Renato Fucini’ sono l’Istituto Comprensivo Empoli Est, Istituto Comprensivo Empoli Ovest, Liceo ‘Virgilio’, Liceo ‘Pontormo’, Centro Studi Bruno Ciari, Libreria Rinascita, Casa editrice Ibiskos-Ulivieri, Associazione Amici della Biblioteca, Libreria Cuentame, Giallo Mare Minimal Teatro, Fondazione Rsa Chiarugi, Nido ‘Le Coccole’.

L'adesione al Patto è aperta e possibile in qualunque momento.

«Questa firma nasce con l’obiettivo di promuovere la diffusione della lettura nella nostra società, ancora troppo distante da questo mondo. Tutti insieme, in perfetta sinergia, possiamo raggiungere un traguardo importante. In questi anni sono stati davvero numerosi i progetti  e le iniziative organizzate a Empoli che vedono come protagonisti i giovani lettori, su tutti penso ad esempio al festival Leggenda. Possiamo fare ancora di più nel quotidiano. La lettura deve esser non solo un momento di piacere, ma la base per un’abitudine sociale quotidiana necessaria a una cittadinanza che vuol essere attiva e responsabile. Invito altre realtà ad aderire, anche in questo caso l’unione fa la forza», queste le parole dell’assessore alla cultura Giulia Terreni.

Il "Patto locale per la lettura" è un protocollo d'intenti e di alleanza tra il Comune di Empoli e altri soggetti pubblici e privati, rappresentativi di associazioni, fondazioni, librerie, istituti scolastici, e sistemi della filiera del libro e della lettura che impegna le parti a definire, attuare, promuovere in modo organico, trasversale e strutturato, azioni e progetti di promozione del libro nel rispetto del diritto di tutti alla lettura come strumento indispensabile per esercitare una cittadinanza piena e responsabile e come mezzo di conoscenza, di accesso all'informazione e come elemento di coesione e inclusione sociale, contro la povertà educativa e per lo sviluppo di una nuova idea di cittadinanza.

Con questo Patto l’amministrazione comunale si impegna a:

- coordinare e monitorare le iniziative progettuali sul territorio comunale nell'ambito della promozione della lettura;

- promuovere il necessario raccordo con la Regione e i Comuni del territorio;

- creare un gruppo locale di progetto (tavolo cittadino) che possa seguire con continuità le iniziative legate alla promozione della lettura;

- raccogliere tutti i soggetti istituzionali e i gruppi di interesse coinvolgibili per il perseguimento dell'obiettivo generale della promozione della lettura e che organizzi azioni per incrementare gli indici di lettura