Giornata nazionale delle ‘Famiglie al Museo’: il racconto dei 900 anni della città

Domenica 13 ottobre, alle 16, ritrovo al Museo della Collegiata. La cultura che chiama per crescere insieme, grandi e piccoli, bambini e bambine da 5 ai 10 anni con le proprie famiglie

.

EMPOLI – Una giornata in cui tutta la famiglia si ritrovi assieme al museo per godere dell'arte di altri tempi, per scoprire il territorio in cui vive e le sue tradizioni, per imparare divertendosi, per crescere confrontandosi con gli altri. Una giornata in cui i musei si trasformino in spazi colmi di colori, risa, voci, movimenti, domande, musiche; in luoghi in cui ascoltare delle storie da parte di personale cordiale e accogliente, in cui giocare, chiedere, creare, inventare, rappresentare. Una giornata in cui stupirci fino a non poterne più fare a meno della bellezza che ci circonda e in cui condividere il piacere di goderla con coloro a cui vogliamo bene.

Questa giornata è la ‘Giornata nazionale delle ‘Famiglie al museo’ (F@MU), che ricorre domenica 13 ottobre 2019 in cui i musei empolesi partecipano ben volentieri per raccontare ‘C'era una volta al museo ...”: il lungo racconto dei 900 anni di storia di Empoli attraverso le opere del Museo della Collegiata e del Museo del Vetro.

Il ritrovo è alle 16 al Museo della Collegiata, l’iniziativa si concluderà alle 17.30/18.  Un evento tutto gratuito, dedicato a bambine e bambini dai 5 ai 10 anni.

Per godere dell'arte di altri tempi, per scoprire il territorio in cui viviamo e le sue tradizioni, per imparare divertendosi, ma soprattutto per crescere confrontandosi con gli altri. 

RACCONTANDO - Com'era in origine la facciata della Collegiata di Sant’Andrea? Come ci si difendeva dalla peste? Perché il magazzino del sale era così importante? Cosa producevano le vetrerie empolesi?.

Risponderanno gli operatori a queste e ad altre domande osservando insieme alcune delle tante opere conservate nei musei cittadini: un'occasione per bambini e genitori di riscoprire insieme alcuni episodi della lunga storia della città.

A conclusione della visita, attività a sorpresa con colori e cartoncini.