Encomio solenne del Consiglio Comunale a Lilith/Pubbliche Assistenze

Il conferimento in occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne voto unanime da parte di tutte le forze politiche

.

EMPOLI – “Il Consiglio Comunale conferisce Encomio Solenne al Centro Aiuto Donna Lilith per l’impegno profuso da molti anni dall’associazione e dai suoi volontari a protezione e difesa delle donne, contro la violenza e per il recente e importante sforzo per l’apertura e gestione di Casa Matilda”.

Questa la motivazione che sta scritta sulla pergamena che il sindaco di Empoli Brenda Barnini e il presidente del Consiglio Comunale Alessio Mantellassi hanno consegnato ai rappresentanti e operatori del Centro Aiuto Donna Lilith per i 17 anni di volontariato, attività e impegno per sostenere donne maltrattate e vittima di violenza, i loro figli, e dare a queste famiglie una possibilità di ricostruirsi una vita normale.

.In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne  è stato questo il messaggio e il segnale lanciato da tutta l’assemblea cittadina empolese.

Maya Albano e l’avvocato Veronica Vettori hanno spiegato come, dal 2002, si è sviluppata l’attività di Lilith.

 

Il Centro Aiuto Donna Lilith delle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli è un Centro di Specializzazione nato nel 2002 come risposta alle numerose richieste di aiuto da parte di donne che si erano presentate presso la sede della nostra Associazione e su richiesta del Comune di Empoli. In questi anni sono state oltre 900 le donne assistite. Tre le case rifugio dove le donne maltrattate sono ospitate in modo anonimo, una la casa di seconda accoglienza da poco sorta. 

Unico e progettualmente innovativo, nel territorio dell’Empolese-Valdelsa, Lilith fornisce alle donne che subiscono violenza all’interno delle mura domestiche un supporto psicologico, assistenza legale ed accoglienza quando l’incolumità della donna è fortemente a rischio.

 

Le case rifugio sono pronte ad accogliere, per tempi brevi, le donne ed i loro figli in caso di emergenza. Inoltre c’è una casa accoglienza dove possono essere ospitate le donne nella fase successiva all’emergenza fino a quando, concluso il loro percorso psicologico, si sono rese autonome sul piano economico. Il Centro fornisce anche una struttura transitoria di accoglienza, in attesa di definire con i servizi sociali e con la donna il progetto individualizzato di uscita dalla violenza. Il Centro Aiuto Donna Lilith si avvale inoltre dell’intera struttura delle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli, di cui è parte integrante.

Il gruppo di lavoro è composto da figure professionali eterogenee, quali psicoterapeute, psicologhe, assistenti sociali e avvocati, che operano in concertazione per l’ accoglienza della donna, il suo sostegno psicologico e legale e la progettazione, assieme alla donna stessa, di un percorso  per l’uscita dalla violenza che prevede un processo di acquisizione di consapevolezza di sé, delle proprie potenzialità e di reinserimento nell’attività lavorativa.

 

Al gruppo operativo si affianca inoltre un gruppo con competenze specifiche nell’attività di formazione e di progettazione di interventi di sensibilizzazione e di prevenzione sul tema della violenza di genere.