Buono come il lupo a Teatri di Confine

Venerdì 7 febbraio alle 21.00 torna la rassegna serale dedicata alle famiglie

.

Empoli, 3 febbraio 2020 – Il Minimal Teatro di Empoli ospita un nuovo appuntamento di Teatri di confine, rassegna teatrale serale dedicata ai bambini e alle loro famiglie, promossa da Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Comune di Empoli e Giallo Mare Minimal Teatro. Ù

Venerdì 7 febbraio alle 21 i padroni di casa di Giallo Mare Minimal Teatro presentano Buono come il lupo, una delle loro ultime produzioni, che tanto successo sta ottenendo in giro per l’Italia. 

In scena c’è Tommaso Taddei, uno dei migliori attori della nuova scena toscana, sostenuto da camei di Simone Gasparri, la bambina dal Cappuccetto Rosso, incubo di ogni lupo sulla via della redenzione. La colonna sonora è eseguita dal vivo che Tommaso Novi già componente dei Gatti Mézzi, polistrumentista, cantante e maestro dell’arte del fischio con il quale riproduce una gamma incredibile di sonorità. Il testo è di Renzo Boldrini e la regia di Giovanni Guerrieri dei Sacchi di Sabbia, pluripremiato regista fra i più innovativi della nuova scena italiana.

Buono come il lupo è uno spettacolo giocoso, spiccatamente comico, pensato per stimolare, grazie al suo stile evocativo, l’immaginazione dei piccoli spettatori. 

Il protagonista dello spettacolo, anche se a prima vista non sembra, è un lupo. Non ditelo però ai piccoli spettatori. Quando si apre il sipario il protagonista della nostra storia sembra più innocuo di un agnello ed è accompagnato in scena da un professore di musica che usa le note del suo pianoforte e del suo formidabile fischio capace di produrre i più incredibili suoni per guidare il lupo come una marionetta. Lo fa danzare come uno strampalato ballerino o il più comico dei clowns per divertire con fantasiose gag il pubblico. Una voce fuori campo incalza il lupo in incognito per indagare la sua vera identità, i suoi reali desideri, trascinandolo in luoghi e prove che stimolano i suoi appetiti da favola, la sua proverbiale quanto feroce fame da lupo.

Per indurlo in tentazione viene usata l’esca, la più tradizionale ed appetitosa: una bambina dal cappuccetto rosso. Il lupo per non cadere in tentazione, e per evitarla, fugge sempre più lontano diventando suo malgrado protagonista delle più impreviste e divertenti peripezie.

Un percorso di gioco narrativo fra teatro e musica, che ovviamente si concluderà con un inevitabile lieto fine dove anche il lupo tornerà a svolgere il proprio ruolo perché al cuor non si comanda e mica tutti possono essere buoni come il pane! 

L’ultimo appuntamento di Teatri di confine è venerdì 28 febbraio Thioro - un Cappuccetto Rosso senegalese una produzione Teatro delle Albe/Ravenna Teatro, Accademia Perduta/Romagna Teatri, Ker Théâtre Mandiaye N’Diaye, ideazione Alessandro Argnani, Simone Marzocchi e Laura Redaelli con Fallou Diop, Adama Gueye, Simone Marzocchi. 

Biglietto posto unico € 7.

Per informazioni è possibile rivolgersi a Giallo Mare Minimal Teatro (via P. Veronese, 10 - Empoli) 0571/81629-83758 o scrivere a info@giallomare.it.

Si ricorda che è gradita la prenotazione 

(Fonte: Giallo Mare Minimal Teatro)