Assegnata alla cooperativa Minerva di Empoli la gestione degli orti sociali

Sono quaranta fra Ponzano e la nuova area di Carraia. Nelle prossime settimane il bando per i nuovi ortisti: cittadini, associazioni o altri soggetti definiti dal bando

.

EMPOLI – Verso l’assegnazione di quaranta orti sociali. Nelle prossime settimane ci saranno importanti sviluppi. Intanto, passaggio fondamentale, è stata aggiudicata la concessione, a titolo gratuito, dei due complessi di terreni presenti a Empoli, quelli di Carraia e di Ponzano.

Gli orti saranno gestiti dalla Minerva Soc. Cooperativa Sociale Onlus di Empoli. Peraltro l’unica che ha partecipato al bando aperto dal Comune di Empoli.

I prossimi, imminenti, passaggi saranno la la firma del contratto di concessione con l’amministrazione comunale poi l’apertura di un bando, stavolta aperto alla cittadinanza, a cura della stessa Minerva, per l'assegnazione dei singoli piccoli appezzamenti ai futuri ortisti: cittadini, associazioni o altri soggetti definiti dal bando.

Ce ne sono 20 a Ponzano, già realizzati da tempo in un’area fra la chiesa, le scuole e il parco urbano. Altri 20 ne sono stati realizzati in un altro complesso, in Carraia, zona verde di Piazza Volta, a fianco della ferrovia, in fondo a Viale IV Novembre.

Empoli è uno dei Comuni della Città Metropolitana di Firenze che ha aderito al progetto promosso dalla Regione Toscana “Centomila orti in Toscana”. La finalità è quella di costruire un nuovo modello di orti urbani, intesi come luoghi moderni, destinati a persone di tutte le età, che siano anche centri di aggregazione e scambio culturale fra i coltivatori sociali per migliorare la salute e il mangiar sano grazie all’utilizzo della terra. Il Comune di Empoli ha ricevuto anche un finanziamento (27.475 euro sulla spesa complessiva di 39.250 euro) con l’obiettivo di sostenere la recente realizzazione degli orti di Carraia.

Gli orti sociali sono aree attrezzate finalizzate alla coltivazione orticola domestica e ad attività e modalità gestionali e di fruizione che ne favoriscano l’utilizzo a carattere ricreativo, ludico, didattico, per lo svago, la socializzazione, l'aggregazione, la promozione di sani stili di vita e di relazioni interpersonali e intergenerazionali positive e solidali.

L’orto urbano o sociale ha un valore rilevante per un territorio; da un lato permette di dare risposte alle esigenze di persone economicamente svantaggiate, dall’altro costituisce un forte elemento di aggregazione.  

 In Carraia il Comune ha realizzato un’area con spazi per 720 metri quadrati di orti, collegati alla strada di accesso su Via IV Novembre. Gli orti hanno un impianto di irrigazione comune composto da un rubinetto per ciascun orto e un pozzo irriguo unico per tutti. A servizio c’è un locale comune in legno necessario per riporre  gli attrezzi.

A Ponzano da qualche anno ci sono orti per un totale di 800 metri quadrati. Anche qui pozzo e locale per gli attrezzi.