La carovana antimafia libera 2003 arriva a empoli

COMUNICATO STAMPA

Empoli, 11 marzo 2003

Grande partecipazione degli studenti empolesi stamani al cinema "La Perla"
LA CAROVANA ANTIMAFIA LIBERA 2003 ARRIVA A EMPOLI
L'incontro al cinema "La Perla" con l'onorevole Giuseppe Lumia, membro della Commissione Antimafia: "La mafia va combattuta senza perdere la fiducia"
Alle 21 la giornata dedicata alla lotta alla mafia si concluderà all'Auditorium di Palazzo Pretorio sul tema dell'usura

La giornata dedicata alla lotta alla mafia, ultima tappa in Toscana della Carovana antimafia Libera 2003, è iniziata all'Auditorium di Palazzo Pretorio alle 10 con la presentazione del protocollo d'intesa tra Regione Toscana, Libera, Avviso Pubblico e Dirigenza scolastica regionale per la promozione di educazione alla legalità nella scuola. In questo territorio già sono presenti azioni e progetti nell'ambito della cittadinanza attiva. Si è verificata la disponibilità dei dirigenti scolastici ad attuare, nella programmazione del prossimo anno, progetti che garantiscano la continuità con il lavoro avviato e si inseriscano nel nuovo protocollo d'intesa. Nelle prossime settimane un incontro definirà lo sviluppo delle azioni nell'Empolese-Valdelsa.
Erano in molti stamani al cinema "La Perla". Gli studenti dell'Istituto Professionale di Empoli hanno partecipato con vivo interesse e attenzione sull'argomento "Il potere mafioso nel 2003 in Italia", con il Sindaco di Empoli, Vittorio Bugli, l'onorevole Giuseppe Lumia, membro della Commissione Antimafia, Maurizio Pascucci, portavoce di Libera in Toscana. Molte le domande rivolte all'onorevole Lumia, tra queste il rapporto tra mafia e politica e il ruolo delle Istituzioni per fronteggiare la criminalità organizzata.
"E' importante conoscere le mafie - ha detto l'onorevole Lumia -. Dobbiamo avere sete di conoscenza, perché è la segretezza il loro punto di forza. Dove c'è un'ingiustizia, bisogna fare di tutto per combatterla, partecipando e senza perdere la fiducia. I mafiosi sono vigliacchi, deboli con i forti, forti con i deboli. C'è il rischio di un abbassamento della guardia e di una riorganizzazione dei gruppi mafiosi".
"La mafia è un fenomeno che non riguarda solo il sud d'Italia - ha detto Maurizio Pascucci - ma con delle accentuazioni minori è presente anche in Toscana, dove caporalato, usura, schiavitù di ragazze, lavoro minorile, gioco d'azzardo e riciclaggio di denaro sporco, hanno a che fare con le nostre comunità".
"Abbiamo già tenuto sette incontri con gli studenti su questi temi, all'interno del progetto Investire in democrazia - ha spiegato il Sindaco Vittorio Bugli -, su precisa richiesta di studenti e insegnanti. Iniziative come quella di oggi acquistano valore se c'è una educazione continua alla legalità".
Nel pomeriggio, il programma prosegue con l'animazione con i "Ludobus". Questa sera alle 21, all'Auditorium di Palazzo Pretorio, tavola rotonda sul tema dell'usura: partecipano Lelio Grossi e Paolo Scardigli rappresentanti delle Misericordie della Toscana, Stefania Ippoliti, presidente di Confesercenti di Firenze, Claudio Lombardo, presidente dell'Arci di Gela, il Sindaco di Empoli, Vittorio Bugli.