Alla media Busoni i radioamatori diventano docenti per una mattina

Ragazze e ragazzi di otto classi terze hanno partecipato alle dimostrazioni dell’associazione empolese presente con numerosi soci

busoni

EMPOLI – Secondo appuntamento con l’Associazione dei Radioamatori Italiani, sezione di Empoli, alla scuola secondaria di primo grado ‘Busoni-Vanghetti’. Lo scorso anno fu l’auditorium del plesso di Via Liguria a ospitarli, questa volta una lunghissima antenna è stata piazzata sabato mattina, 5 maggio, appena fuori dalla palestra della sede di Via Sanzio. Una bella lezione ‘aperta’ sulla radio, portata avanti da chi ha questa passione del sangue: il presidente dell’associazione empolese, Massimo Lubello, e tutto il gruppo dei soci che hanno montato alla Busoni una vera e propria postazione all’interno della palestrina.

Hanno aperto la mattinata il dirigente scolastico Grazia Mazzoni e l’assessore alle politiche sociali Arianna Poggi per l’amministrazione comunale. Dopo i saluti della professoressa Mazzoni, che ha spiegato come la scuola incentiva questi momenti di confronto e conoscenza con le varie realtà cittadine, l’assessore Poggi ha sottolineato come la ARI sia una delle associazioni più attive sul territorio e come la loro presenza sia fondamentale per gestire anche eventuali momenti di emergenza nel caso in cui vengano a mancare, per esempio per un black out, alcuni dei fondamentali mezzi di comunicazione.

Un racconto sulla storia della radio, da Guglielmo Marconi al ricevitore a ‘Galena’, fino alla sua determinante funzione di Protezione Civile in caso di eventi calamitosi. Erano presenti docenti, ragazze e ragazzi di tutte le 8 terze presenti alla ‘Busoni’, che hanno ascoltato e partecipato, divertendosi, alla lezione. C’è stato anche un collegamento con un’auto radiomobile di uno dei soci mentre era in movimento e stava raggiungendo la ‘Busoni’ partendo da Vinci. I volontari sono riusciti con parole semplici a far percepire agli studenti concetti astratti quali le onde gravitazionali, mostrando un apparecchio costruito da loro stessi. I ragazzi hanno partecipato ad attività laboratoriali e sono stati coinvolti in una piccola gara di traduzione dall’alfabeto morse. Una mattinata diversa quella di sabato che conferma il rapporto di stretta collaborazione tra la scuola ‘Busoni-Vanghetti’ e la sezione ARI di Empoli.